venerdì 27 aprile 2012

Ciambella cacao e arancia


"Cake frutta e cacao...ma che nome é ?", ha chiesto con una smorfia di disapprovazione mio figlio copiando in un file la ricetta di Omar Busi dal volume della torte da forno de "la grande pasticceria d'Autore". E così l'ha ribattezzata ! E ha messo con soddisfazione una crocetta (per la serie...fatta anche questa !) accanto al titolo dell'indice. E' sofficissima e con un gusto accentuato di arancia. E si prepara in poco tempo. Non chiedetemi quanto si mantiene perché le orde barbariche affamate dei suoi compagni di classe se la son mangiata tutta nell'intervallo a scuola.

Ingredienti:
- 175 g di zucchero
- 150 g di tuorli
- 175 g di burro
- 150 g di farina
- 85 g di succo d’arancia
- 50 g di mandorle in polvere
- 35 g di cacao amaro
- 20 g di scorza d’arancia
- 10 g di lievito in polvere 


Montare il burro con lo zucchero nell'impastatrice con braccio a frusta. Aggiungere gradualmente metà dei tuorli, quindi una parte della farina e della farina di mandorle precedentemente setacciate insieme e amalgamare bene il tutto. Incorporare i tuorli rimasti, il succo e la scorza d’arancia e successivamente la farina e la farina di mandorla rimanente. Unire infine il lievito ed il cacao precedentemente setacciati.
Impastare con cura gli ingredienti fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo; dopo di che, versarlo nello stampo precedentemente imburrato e cosparso di zucchero, riempiendolo fino a metà della sua altezza.
Cuocere in forno preriscaldato a 180 °C per 40-45 minuti.
Sfornare e lasciar raffreddare.
Per dare un aspetto lucido, spennellarla con gelatina di albicocche.

6 commenti:

  1. Ciao cri -cri
    sarà la lucidata di albicocche,sarà che conosco cosa le tue mani sanno creare, m aquesto dolce mi fa davvero una gran gola!!

    RispondiElimina
  2. ciao!, io questo sabato, giornata dedicata anche alla cucina di dolci con mia nipote la provo senza dubbio, fa gola solo a guardarla!!!!ma .....quanti tuorli?

    RispondiElimina
  3. ma negli ingredienti non leggo uova.........

    RispondiElimina
  4. Ah...ma allora leggete!!! Non le ho messe apposta per vedere se ve ne accorgevate ! Scherzooo. Il fatto è che di giorno lavoro dieci ore, la sera cucino e...di notte scrivo così per quanto rilegga mi sfugge qualcosa. Ho corretto. Provatela e non resterete deluse

    RispondiElimina
  5. ma come l'ha ribattezzata? sono proprio curioso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ha ribatezzata semplicemente come il titolo del post. Sai come sono i ragazzini...la parola frutta evoca solitamente qualcosa di poco piacevole ! Ma questa ricetta l'ho fatta più volte perché trova sempre consensi entusiastici. Complimenti !

      Elimina

Printfriendly