martedì 25 settembre 2012

Regoli



Ve li ricordate i regoli di matematica ? Per me son stati un incubo, come tutto ciò che aveva a che fare con la matematica, che io non ho mai capito veramente ed ho sempre visceralmente odiato. Ancora mi domando com'è che son finita a fare il liceo scientifico e ad arrivare fino in fondo !! E pure se lo domanda mio figlio quando mi vede imbranata nel fare i conti...con la calcolatrice...figuriamoci a mente...no a mente non ce la posso proprio fare ! Dico sempre che se misurassero il mio quoziente intellettivo in base alla comprensione della matematica...mi darebbero l'insegnante di sostegno. Fatto sta che quando ha visto il libro di Omar Busi "Profumi dal forno" aperto sulla pagina dei regoli mio figlio mi ha chiesto, con aria di sfottimento, se ero sicura di riuscire a farli !!

Ingredienti per 60 biscotti da 15 cm:
350 g di farina di media forza (11%  di proteine)
75 g di fecola di patate
125 g di t.p.t. di mandorle (62,5 g di mandorle frullate con pari peso di zucchero semolato)
125 g di zucchero a velo
90 g di uova
50 g di tuorli
1/2 baccello di vaniglia
2 g di sale
10 g di lievito in polvere
75 g di burro

Nell'impastarice con il braccio a foglia lavorare il burro ammorbidito a temperatura ambiente (22-24 °C) con lo zucchero a velo fino ad ottenere una crema.
Aggiungere le uova ed i tuorli, continuare a lavorare l'impasto, poi unire a pioggia il t.p.t. di mandorle precedentemente setacciato con la farina, il lievito, la fecola di patate e la polpa del baccello di vaniglia. Unire anche il sale.
Una volta ottenuto un composto liscio ed omogeneo, togliere la bacinella dalla macchina e con l'impasto formare un panetto. Avvolgerlo in un foglio di pellicola e metterlo in frigo a riposare per tre ore.
Trascorso questo tempo, su una spianatoia leggermente infarinata creare dei cilidretti di impasto di 1 cm di diametro e tagliarli ad una lunghezza di 15 cm. Arrivata a questo punto mio figlio, matematico e precisino, mi dice: "eh no mamma, non puoi farli così ! I regoli sono rettangolari !" E così, munita di riga e righello
Trasferire i bastoncini su una teglia foderata con un foglio di carta da forno e cuocere in forno preriscaldato a 160 °C per 22 minuti.
Per renderli ancora più golosi mio figlio ha avuto l'idea di trasformarli in molto vagamente simil-mikado intingendoli nel cioccolato al latte e cospargendoli di granella. Poi, tutto contento se li è infilati in cartella e li ha sventolati sotto il naso dei suoi compagni che se li son contesi.

34 commenti:

  1. Ma quanto produci! una cosa più buona e invitante dell'altra!
    Brava.
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Che voglia!! Li faro il prima possibile! Complimenti per il blog!

    RispondiElimina
  3. Che carini questi biscotti, mia figlia purtroppo mangia un decimo delle cose che preparo perchè mangia pochissimo, ma magari per questi farebbe un'eccezione!

    RispondiElimina
  4. Decisamente sei riuscita a farli questi regoli ^_^
    Sono bellissimi da vedere, brava! Ci farei volentieri colazione...

    RispondiElimina
  5. Anch'io non ho molto amato la matematica però che vuoi fare dobbiamo studiarla!!! carini questi regoli veramente originali li proverò appena avro degli amici come ospiti...grazie della visita e del bel commento sul mio blog...ti auguro una splendida giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maristella ! Pensa che proprio ieri mio figlio, appassionatissimo di matematica, mi ha sventolato sotto il naso il suo libro di esercizi nel punto in cui c'è una sezione intitolata "matematica per il cittadino". Ci sono esercizi in cui fanno fare proporzioni di vari di ingredienti di dolci. E mi ha detto che...dovrei farli io visto che sono così imbranata !

      Elimina
  6. ciao cara piacere di conoscerti! ke golosi questi regoli :-) ho visto un sacco di ricettine sfiziose in questo bellissimo blog!!!

    RispondiElimina
  7. Questi sono gli unici regoli che personalmente capisco! :) Carinissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Emanuela ! Anch'io capisco solo questi di regoli !!

      Elimina
  8. Carinissima questa idea, devono essere velocissimi da fare, li proverò senz'altro!

    RispondiElimina
  9. I biscotti-regoli mi mancavano! :)
    Provvedo, magari infondono anche genio matematico, si sa mai..
    Scherzi a parte, il tuo blog è dolcissimo, ora vado a curiosare che ho visto una torta di mandorle...
    A presto, Sandra

    RispondiElimina
  10. che sfizio immagino che se li faccio ai miei figli li divorano buonissimi un bacio veronica

    RispondiElimina
  11. pucciati così poinel cioccolato fa dimenticare qualsiasi accenno alla matematica!!! goduriosi! ciao giuli (www.loveateverybite.com)

    RispondiElimina
  12. Decisamente questa sfida con tuo figlio l'hai vinta!!! complimenti hanno un ottimo aspetto!!! Da oggi ti seguo con piacere e ti aspetto su http://vogliedisapori.blogspot.it/ se ti và ;) A presto

    RispondiElimina
  13. complimenti, che bel blog!!! tante ricettine di dolci che mi piacciono davvero!!!
    bella questa dei regoli, però io seguo tuo figlio e li intingo nella cioccolata.
    ciao a presto

    RispondiElimina
  14. quando mia figlia andava alle elementari odiavo quei maledetti regoli ma i tuoi soprattutto quelli al cioccolato li trovo deliziosi!
    Da oggi ti seguo anche io!
    Alice

    RispondiElimina
  15. Magari la matematica fosse così dolce... io ero una vera capra e già il nome di questi biscotti mi mette un po' paura, come anche il quattro quarti, sempre di numero si parla... ma sembrano così buoni!!!!

    RispondiElimina
  16. Maremma! Non mi parlare di matematica. Io sono una umanista, se si tratta di scrivere, leggere, disegnare, suonare, insomma. L'unica parte del mio cervello che funziona è quella sinistra. I conti li sbaglio sembre, ma non credo che sia per incapacità, ma proprio perché non mi applico. Sono distratta....a me vanno bene i massimi sistemi...per il resto preferisco mangiarli i regoli, che metterli in fila! Idea strepitosa...e tuo figlio non lo frega nessuno!
    Un grande abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  17. Mi hai fatto morire Cristina. Prima di tutti, come non ricordarsi dei regoli.
    per me un vero incubo.. ma vedo che qui è tutto un mal comune mezzo gaudio" :-))!
    interessante questa ricettina, devo però andare a prendere la fecola di patate che non la uso da un pò.
    bhè, tuo figlio è un mito... la versione mikado è fantastica :-))

    RispondiElimina
  18. Beh...a legger i vostri commenti un po' mi consolo circa la mia handicappatura cronica con la matematica !

    RispondiElimina
  19. Ciao Cristina :) Perdonami se solo ora passo da te ma in questo periodo è come se avessi la testa in un altro mondo... Grazie mille per la tua visita e complimenti per questo bel blog, ti seguo molto volentieri :) Me li ricordo eccome i regoli eheheheheh ma io e la matematica non andiamo per niente d'accordo, meglio questi qui, dolci e deliziosi ;) A presto, buona serata!

    RispondiElimina
  20. Ma son stupendi!!! E pensa che io adoravo i regoli da piccola ehehhe Li devo proprio fare :-) BAcioni!

    RispondiElimina
  21. mamma mia sto svenendo sono buonissimi!! che fameee

    RispondiElimina
  22. Cavolo mi sa che ho sbagliato blog! Qui tutti odiate la matematica e io da prof di matematica forse sono un po' di troppo? In compenso sono affascinata dai tuoi regoli, che sono proprio fantastici! Comunque piacere di conoscerti e complimenti! Un abbraccio paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Paola, ti prego non andartene ! Qui è indispensabile qualcuno che infonda un po' di genio matematico...almeno nella mia di testa. Pensa che io son così imbranata che quando ho una ricetta e voglio fare per esempio una dose + un terzo di dose...devo prender la calcolatrice e poi scriver sulla ricetta. Non ti dico altro !!

      Elimina
  23. Ah ah ho un apprendimento della matematica simile al tuo quindi ti capisco appieno, cmq questi regoli sono riuscitissimi..soprattutto quelli con ciocco-granella!! Buona domenica :-)

    RispondiElimina
  24. Ciao Cristina, mi sono a mia volta unito al tuo blog. Veramente golosi i tuoi dolci

    RispondiElimina
  25. ciao Cristina come te io e la matematica non siamo mai andati a braccetto :( "La matematica non è un'opinione!" mi ha sempre solleticata il mio papà, al quale ho sempre risposto "Ma questa è una tua opinione!!". Questi regoli sono davvero intivanti e golosi, complimenti. Grazie per essere passata a trovarmi e venendo io qui, resto piacevolmente catturata e scelgo di aggiungermi ai tuoi lettori con tanto piacere! A presto quindi, Clara

    RispondiElimina
  26. Idea davvero simpatica cara Cristina, sono perfetti e stragolosi!!!

    RispondiElimina
  27. buoni!!
    proverò a farli anche io...
    http://alelablogger.blogspot.it/

    RispondiElimina
  28. ecco, con la cioccolata sarebbero stati più apprezzati anche i regoli delle elementari! ... Un pò indigesti, quelli!!!!


    ricetta carinissima!!!!!! Passa da me, se vuoi!!!

    http://insweetieswetrust.blogspot.it

    RispondiElimina
  29. Buonissimiiiiiiiiiiiiiiiiiiii !!!! Lo proverò !!!!!!!!!!!!
    Buonissime le Meringhe !!! Complimenti !!!!!!!
    Mi sono iscritta tra le tue lettrici !
    Ti mando anche i link ai miei Blog se ti fa piacere vederli !
    E se hai voglia di iscriverti anche tu mi farebbe piacere !!!!!!!
    http://foodwineculture.blogspot.it/
    e questo di Ricette dei Bimbi
    http://aboutcookingandmore.blogspot.it/
    Ciao e complimenti ancora !!!

    RispondiElimina

Printfriendly