martedì 30 settembre 2014

Plum cake...dopo le otto



Non ho nessuna passione per l'abbigliamento "firmato", al punto che neppure mi sento attratta dalle vetrine che lo espongono. Per l'esattezza non mi fermo mai a guardarle. Il più delle volte neppure rientrano nel mio campo visivo. Non credo che spenderò mai soldi per comprarmi un capo o un accessorio griffati.
Ma per la cucina d'autore ho un'attrazione irresistibile. Lo confesso: ho un debole per i ristoranti "stellati" e quel che non spenderei mai per una borsa di marca...lo spendo per una cena "griffata". Con la differenza che almeno il capo di abbigliamento dura nel tempo mentre la cena dura il piacere di una sera. Ma è un piacere che, per quanto mi riguarda, non ha paragoni.
Non di meno riesco a resistere dal comprare i libri di pasticceria d'autore. Neppure li sfoglio prima di acquistarli, in certi casi. Anche se spesso quelli dei professionisti della pasticceria, pensati e scritti per altri professionisti del dolce, sono di gran lunga al di sopra delle mie capacità. Sfogliare le pagine e guardare le creazioni di cui son capaci i grandi pasticceri è come contemplare un'opera d'arte. Sogni ed emozioni si mescolano.
Tra i vari che compongono la mia piccola biblioteca casalinga quello di Stefano Laghi e Massimo Villa è il mio preferito.

Da Nuovi classici - 2 cakes di Stefano Laghi e Massimo Villa - edizioni Reedgourmet Ingredienti per uno stampo da 25 cm (ho diviso per quattro le dosi riportate nel libro)
250 g di farina 0
100 g di zucchero
25 g di destrosio
10 g di baking
87,5 g di uova intere
75 g di latte intero
62,5 g di acqua
70 g di olio di semi di girasole
75 g di cioccolato in gocce
15 g menta fresca
1 g di sale

Con un mixer ad immersione frullare le foglie di menta fresca con l'acqua, scaldare fino a 70 °C e quindi lasciare raffreddare coperto da pellicola.
Frullare dentro un cutter tutti gli ingredienti, compresi acqua e menta freddi.
Infine aggiungere il cioccolato in gocce.
Riempire lo stampo da plum cake, unto ed infarinato e cuocere in forno preriscaldato a 170 °C per 40 minuti.


24 commenti:

  1. Eccoti! Mia cara, ognuno ha le sue passioni... Tra libri e scarpe nemmeno io non avrei dubbi! :) E questo plumcake... Magari averlo a colazione (prima delle 8!). Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Ciao Cristina, come ti capisco, io ho una sorella che lavora nella moda, vivo a Milano dove molta gente piuttosto non mangia ma spendequasi tutto quello che ha in abbigliamento... Confesso che anche a me piacciono le cose belle (che non devono essere necessariamente griffate), ma preferisco spendere i miei soldi in modo più 'sociale' e creativo. Non é vero che una cena così come un viaggio dura solo nel momento in cui lo vivi, anzi, le scarpe e i vestiti nel tempo si deteriorano e si buttano, le esperienze di vita vissuta restano nei ricordi e ci arricchiscono come persone... Ottimo plumcake!
    Baci!

    RispondiElimina
  3. Scusa ma il destrosio a cosa serve e dove si trova?

    RispondiElimina
  4. Ma ciao ! Le passioni son belle....anche io mi ritrovo a comprare libri su libri e a volte li guardo e basta...ma io non sono normale...questo dolcino sarebbe perfetto per la mia colazione ! Ti abbraccio :*

    RispondiElimina
  5. Anch'io adoro i libri di cucina, ma non più di vestiti e scarpe, ahimè!!!!!! Questo plumcake è il massimo per la prima colazione!!!

    RispondiElimina
  6. Ma vuoi mettere la soddisfazione di mangiare qualcosa creato da un genio della cucina? Anche io ne compro di continuo di libri.... si impara sempre di più che a tenere un cappottino frufru nell'armadio!!! Buonissimo questo plumcake, buonissimo! Un bascione!!

    RispondiElimina
  7. Cara Cristina, concordo pienamente con te: anch'io non amo gli abiti firmati e mai e poi mai spenderei soldi per acquistarli, meglio i libri di cucina (dai quali sono attirata come le api con il miele), mi interessano di più e la soddisfazione che provo è di gran lunga maggiore!!!! Così come spenderli per un viaggio in quanto adoro viaggiare!!!! Eppure noi siamo una minoranza in quanto la maggior parte delle persone impazzisce davanti a
    un capo firmato..secondo il mio personale punto di vista..li vedo come soldi buttati.....
    questo plumcake è favoloso, perfetto a dir poco come tutte le te meravigliose creazioni, golosissimo e meravigliosamente invitante, lo vorrei domani a colazione:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  8. Che bello. Io adoro i libri di cucina e perdermi nelle loro ricette. Me le appunto e poi puntualmente ne faccio pochissime. Cattiva me.

    RispondiElimina
  9. La passione è un sentimento che travolge e che a volte non lascia il tempo di pensare razionalmente. Acquistare libri d'impulso è una gran bella passione!! Meglio un libro in più che un po' di spazio in meno nel guardaroba!! Buono questo plum-cake, ne prendo un pezzettino!! A presto :)

    RispondiElimina
  10. Concordo in pieno con te , anche io ad un capo firmato preferisco una cena "firmata" ahahhah
    Il plum-cake è divino, in bocca al lupo per il contest :-)

    RispondiElimina
  11. Cosi' ... semplice semplice? E' meraviglioso! Ciao tesoro, nemmeno io sono attratta da vetrine e grandi firme. Pero' nemmeno da ristoranti stellati! Invece non mi portare in un negozio di articoli casalinghi o ingredienti di ogni tipo (farine, semi, the strani, spezie ecc ecc) perche' non riesco a far a meno di comprare qualcosa. Ognuno ha il suo punto debole, quello e' il mio. Infatti mi spiace tantissimo essere qui, senza tutte le mie attrezzature ma sto rimediando, tra poco mi porteranno gran parte delle mie cose e gia' mi sento meglio.


    ps come stai? Ti mando un mega abbraccio, mi manchi.

    RispondiElimina
  12. Non oso immaginare quello che ha combinato la menta in questo impasto :-)...sarà profumatissimo!! Amica, io di abiti firmati non ne ho nemmeno uno...ce la vedi tu una tizia cicciottella, con i capelli a cespuglio, impataccarsi una camicetta di seta? :-D. Sui ristoranti stellati ho una perplessità...non sopporto la nouvelle cuisine, quando ti portano un rametto di prezzemolo su uno scarabocchio di qualcosa e te lo spacciano per una portata. Ecco, quello mi infastidisce...perché sono certa che Cracco e compagni a casa loro 100 gr. di pasta se la mettono nel piatto ;-). Tu che dici? Scommettiamo? Comunque approvo la tua passione per i libri di pasticceria, sono attraenti anche solo dalla copertina!! Un bacione

    RispondiElimina
  13. che bel plumcake!! complimenti, anche io non capisco come si possano spendere fior di soldoni per cose da mettere una stagione e poi via....ma per le cose attinenti alla cucina giustifico ogni soldo speso! un bacio

    RispondiElimina
  14. Sono d'accordo con te al 100% sui capi griffati ma sul fatto che non reputi per te gli artisti della pasticceria è troppo...per me ti sottovaluti....non riuscirei a creare le torte che fai...lo sai che non sono semplici vero??? Questo plumcake è più abbordabile...bacioni!!!!!

    RispondiElimina
  15. delizia,per il tè d'autore,complimenti
    anche io non amo i capi griffati non amo ciò che è griffato n genre
    preferisco comprare ciò che mi piace,mi ncurosisce senza guardare di chi è
    ance per i libi di cuina sono attirata dai gndi ma nonmi sento all'altezza e rinuncio
    grazie per questo delizioso plumcake

    RispondiElimina
  16. Sui libri di pasticceria sono pienamente d'accordo con te... mi attraggono così come il miele attrae le api.
    Però dovendo scegliere tra una cena e un capo firmato mi sa che, a parità di costo, opterei per il secondo... :-)
    In bocca al lupo per il contest.

    RispondiElimina
  17. Non ti leggevo da un pò così ti sono venuta a trovare. Plumcake molto profumato e anche io come te venderei l'anima per la pasticceria o una buona cena, ma di scarpe e/o abbigliamento griffato proprio non mi interessa nulla.

    RispondiElimina
  18. Tutto bene Cristina? Negli ultimi mesi anch' io sono poco presente, ma nelle mie"ricomparse"non potevo non notare la tua assenza...E mentre penso che stai facendo solo cose belle assaporo il tuo dolcino, da tanto non lo faccio e mi mancava....già al primo morso ho riconosciuto la pasticciera che l'ha preparato!
    Un abbraccio esagerato. ..di quelli miei per intenderci 😉

    RispondiElimina
  19. Ciao Cristina. Come stai? Spero tutto ok. Sono passata per lasciarti un saluto. Ogni tanto mi piace tuffarmi nei tuoi dolci. Ti faccio tanti auguri di buone feste. A presto.

    RispondiElimina
  20. Cara Cristina, è da tanto che non ci si sente..spero che tu stia bene...ci tenevo a passare per lasciarti i miei auguri di Buon Natale..goditi ogni momento in compagnia delle persone più importanti per te. Ti abbraccio forte occhi belli <3

    RispondiElimina
  21. Carissima, complimenti per la realizzazione di questa ricetta davvero interessante....Ti faccio tanti auguri di Buone Feste...un caro abbraccio e a prestissimo!!!:-)

    RispondiElimina
  22. Carissima, passo per augurarti buone feste!! Spero tu stia bene e sia felice <3. Un bacio

    RispondiElimina
  23. Ottimo da fare per la colazione..Inizia la scuola!!!
    Un abbraccio e Buon Anno!!

    RispondiElimina