lunedì 30 marzo 2015

La colomba a lievitazione naturale




Se non ci fossero certe bloggers bisognerebbe inventarle.
Cinque anni fa ho seguito un corso, indirizzato ai professionisti, sui dolci a lievitazione naturale all'Etoile, tenuto da Francesco Favorito. Sono tornata a casa elettrizzata e con un pezzo di "pasta madre" portato dal docente e preso da un ceppo che la sua famiglia di pasticceri alimenta da generazioni. L'ho sempre curato con tanto amore, così tanto amore che persino mio figlio quando vede la "pasta madre" bella gonfia dopo il rinfresco la accarezza con la delicatezza con la quale toccherebbe un neonato.
Con il lievito naturale i prodotti da forno salati e dolci raggiungono dei livelli di eccellenza che con il solo lievito di birra non è dato di ottenere. Ma i lievitati, soprattutto quelli dolci, richiedono tempo. Tanto tempo per la lievitazione. Tempo che solo indicativamente è possibile quantificare. Le variabili in gioco - stato di salute della pasta madre, temperatura dell'ambiente, tasso di umidità dell'aria, lavorazione dell'impasto, qualità della materia prima utilizzata - sono tante e, soprattutto variano di volta in volta. I professionisti, dal canto loro, usano macchinari diversi da quelli di cui dispone una pasticcera casalinga (la mitica impastatrice a "braccia tuffanti"...dovreste vedere come impasta), hanno la camera di lievitazione, forni professionali. Loro sono in grado, anzi devono, standardizzare il loro ciclo produttivo. Le mere appassionate invece...sono in balia di sè stesse. Ed ogni volta che sfornano un dolce lievitato non sono del tutto sicure del risultato finché non lo vedono uscire dal forno.
Tra le dispense dei corsi ed i libri dei professionisti nella mia biblioteca personale ho di che attingere.
Ma le ricette dei professionisti sono sintetiche...una sorta di bignami ! La conversione ad uso casalingo richiede tantissima esperienza...il che significa tanti dolci, ma anche tanti errori, tante lievitazioni non perfettamente riuscite.
Ecco perché come ho esordito...se non ci fossero certe bloggers bisognerebbe inventarle. Terry è stata indispensabile. Senza di lei io non mi sarei mai avventurata nel mondo dei lievitati. L'ho seguita dall'inizio della sua avventura come food-blogger. A pelle le persone ti piacciono o meno. Subito mi è piaciuta. Tanto, come persona. E tanto come appassionata esperta di lievitati. Tutti i suoi post ho letto. E a furia di leggerli ho imparato, ho preso coraggio e mi sono concessa tutto il tempo necessario per dedicarmi totalmente. Questa colomba è dedicata a te, cara Terry. Non ti sarò mai abbastanza grata.


Le colombe prima di essere infornate


27 commenti:

  1. come invidio la tua pazienza! il mio lievito madre e' finito in spazzatura dopo 2 mesi!!!

    RispondiElimina
  2. Io non ho mai usato il lievito madre, ma da quando ho visto le tue colombe, cosi belle e ben lievitate, mi è venuta voglia di saperne di piu!!!:-) Davvero ti faccio i miei complimenti!!!
    Marinuccia,
    http://primipassiincucina.blogspot.it/

    RispondiElimina
  3. CHE PERFEZIONE, BRAVISSIMA!!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  4. Che soddisfazione deve dare la pasta madre, un giorno voglio provarci, brava !

    RispondiElimina
  5. Poi tu dici a me... io con il lievito madre non mi ci metto nemmeno... perchè so per certo che non durerebbe con i miei ritmi frenetici e impegni vari...Terry è una garanzia ma tu sei stata bravissima... i grandi lievitati delle feste sono i più difficili da realizzare... e la tua colomba è magnifica! poi voglio dire... ho dato uno sguardo alla tua biblioteca e me ne sono innamorata... ma quanti bei libri hai? Ma d'altra parte per ottenere risultati perfetti come i tuoi, ogni dolce è poesia, per forza doveva esserci tanto studio :*
    Ti abbraccio tanto cri:)

    RispondiElimina
  6. WOW!! che belle!
    devono essere anche molto buone!

    RispondiElimina
  7. ma super complimenti per questa produzione golosamente perfetta da alta pasticceria!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  8. ...Cri, che bella questa colomba!!!! sei stata bravissima, so che le ricette di Di Carlo non sono certo tra le più semplici!
    E hai ragione, spesso potersi consigliare tra appassionate è più utile che seguire corsi, perchè ci si trova ad affrontare le stesse difficoltà.
    Detto ciò...ritieniti "responsabile" della colomba che avrò per Pasqua! avevo quasi deciso di rinunciarci quest'anno, per mancanza di tempo. Ma mi è arrivata una pulce all'orecchio...quel bisbiglio che si vorrebbe non ascoltare...e complici alcuni giorni a casa con la bronchite...anche a casa mia ci sarà la colomba domenica! ;-) grazie Cri!!!

    RispondiElimina
  9. Ma che meraviglia.... complimenti a tutte due !

    RispondiElimina
  10. Ok, é circa 10 giorni che rinfresco ogni giorno la bimbetta per produrre la colomba.. Vedendo le tue creazioni non posso che provare..!!
    ;)

    RispondiElimina
  11. Quando le blogger sono un'ispirazione e magari diventano anche amiche, allora sì che sanno creare la ricetta perfetta... ;-) E' un piacere vedere le colombe volare in vari blog e spero che la tua possa bussare alla mia finestra... ha un aspetto davvero riuscito! Brava brava!

    RispondiElimina
  12. Cara Cristina, sono rimasta come sempre incantata, a bocca aperta davanti a quest'altro capolavoro da te realizzato: una colomba splendida, perfetta a dir poco con una consistenza interna lievitata benissimo:) ti faccio miei migliori e più sinceri complimenti, sei troppo ma troppo brava:)).
    Io non mi sono mai cimentata nella realizzazione del lievito madre..prima o poi mi devo decidere anche
    perchè sono pienamente consapevole che i risultati sono di gran lunga superiori rispetto a quelli che possiamo ottenere con il lievito di birra (che io utilizzo abitualmente).
    Un bacione e ancora tantissimi complimenti:)))
    Rosy

    RispondiElimina
  13. Il lievito madre è poesia, secondo me. Ne ho un pezzetto regalato da una spacciatrice che abita nei miei dintorni e da allora sono sempre alla ricerca di qualche cosa da mettere sotto una copertina e lasciare che cresca per ore. Il mio primo grande lievitato, un panettone, l'ho fatto quest'anno con l'aiuto di un'altra foodblogger, Assunta, che mi ha dato un passo passo e mi ha seguita in tutte le fasi della preparazione. Terry l'ho scoperta da poco e per quel poco che ho visto, ho capito subito essere una grande appassionata ed esperta. Mi studierò meglio i suoi post e a te faccio i miei complimenti per queste colombe (e anche per la libreria, che mi sono incantata ad osservare *.*)

    RispondiElimina
  14. Ciao Cristina! Terry é una garanzia ma tu sei stata bravissima perché anche con spiegazioni dettagliate un lievitato come la colomba non é affatto facile da eseguire!
    Meraviglia!
    Un bacio e buona Pasqua!

    RispondiElimina
  15. Ciao Cristina, purtroppo il mio lievito madre non c'e' piu' pero' e' vero che i lievitati hanno tutto un altro sapore, tu sei stata bravissima perche' questa colomba e' perfetta!!!

    RispondiElimina
  16. Bellissime! E a te complimenti sei stata bravissima! Un abbraccio
    Paola

    RispondiElimina
  17. Io con il lievito madre mi sono spazientita e non mi sentivo a mio agio, avrei dovuto dedicargli piu' tempo ed invece lo trascuravo alla grande. Pero' ammiro chi sappia usarloe tenerlo in vita con tanto di risultati. Sei stata bravissima con queste colombe...faro' un salto dalla tua amica, deve essere straordinaria! Auguri!!!!

    RispondiElimina
  18. Guarda puoi credermi o non credermi ma leggendo le tue parole mi sono venute le lacrime agli occhi: GRAZIE amica mia, grazie!! ♥ Grazie della stima, dell'amicizia, dell'affetto che sento e mi arriva tutto, grazie! Una colomba stupenda, magnifica e non hai idea di quanto sono felice del tuo risultato. Ti abbraccio forte forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terry...tesoro...un abbraccio intenso

      Elimina
  19. Meravigliosa! Certo Terry è una garanzia... ma ti dirò che anche tu non scherzi!!!

    RispondiElimina
  20. Quando leggo le ricette tue e di Terry mi rendo conto di quanto sono messa male, ahahah!!! Una colomba perfetta e dedicata a una donna davvero splendida, che adoro anche io, come adoro te. Insomma, un'adorazione estesa a entrambe :-D. Ti bacio, amica mia, e ti auguro una felice Pasqua (andrai a fare l'ultima sciata dell'anno o la neve è già sparita?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ros amica mia, sono entrata nel mood primaverile e ho riposto gli sci (ma a dire il vero la neve ormai è penosa) Una buonissima Pasqua

      Elimina
  21. Mamma mia che meraviglia...sono rimasta a guardare le foto per svariati secondi, poi ho letto il post e poi sono ritornata a osservare questa bontà...complimenti per la bravura con cui l'hai realizzata...sei stata grande!!!:-). Colgo l'occasione per farti tanti auguri di Buona Pasqua! A presto!!!:-)

    RispondiElimina
  22. Bellissima, complimenti.
    auguri di Buona Pasqua :)

    RispondiElimina
  23. Tantissimi auguri per una serena Pasqua piena di gioia e di tanto buon cibo!
    Alice

    RispondiElimina
  24. Che meraviglia Cristina, sei bravissima queste colombe sembrano uscite da una pasticceria!
    Un abbraccio laura<3<3<3

    RispondiElimina

Printfriendly